Salta al contenuto principale
x

Borghi

Italiano

Abruzzo, una regione che sa conservare

L’Abruzzo è una regione che sa conservare: è questa l’affermazione che meglio sintetizza lo spirito e l’indole di questa terra. Scoprendo il suo straordinario paesaggio naturale, percorrendone le antiche e signorili città e i millenari borghi arroccati sulle cime, l’impressione più immediata che se ne trae è quella di una regione che è riuscita a conservare molte delle sue caratteristiche originarie, in cui un ambiente integro e una presenza immemorabile dell’uomo mostrano di aver saputo trovare la via per un reciproco, rispettoso equilibrio.

I borghi più belli d'Italia
I borghi autentici d'Italia
Bandiere arancioni
Città d'arte

Proposte di Viaggio, Itinerari & Idee

Che decidiate di trascorrere nella nostra regione solo un weekend o un'intera vacanza, troverete qui spunti e suggestioni sui luoghi, le attività, i borghi e i percorsi più affascinanti per scoprire l'Abruzzo più autentico!

In Evidenza

Curiosità, suggerimenti, racconti di viaggio: informazioni e notizie per cominciare a conoscere l'Abruzzo e le tante esperienze da vivere nella nostra meravigliosa regione.

Abruzzo Set Cinematografico
23 Mag 18

Dietro le  montagne, le piazze, i castelli,i paesi, le città  i casolari che vediamo in alcune scene di film famosi  può celarsi la  nostra terra : l'Abruzzo.

LEGGI TUTTO
15 Feb 18

Roccacaramanico è uno splendido borgo medievale, frazione del comune di Sant'Eufemia a Maiella, in provincia di Pescara.

LEGGI TUTTO
Redazione Abruzzo Tursimo
15 Feb 18

Si aprono ad un'Italia più vasta e conosciuta i tanti piccoli comuni italiani che hanno dato vita a questa Associazione e della quale sono i protagonisti.

LEGGI TUTTO

Scopri tutte le destinazioni

Abbateggio

Abbateggio è un piccolo borgo che sorge in uno splendido contesto naturale, tra boschi di faggio e roverella nel Parco Nazionale della Majella, che comprende due terzi del suo territorio.

Aielli

Il borgo di Aielli, il cui territorio fa parte del Parco Regionale del Velino-Sirente, è uno scrigno di tesori tutti da scoprire. Adagiato su uno sperone roccioso calcareo, è circondato da due torrenti: questa posizione, facilmente difendibile da attacchi nemici, ne ha fatto per secoli il luogo ideale di difesa e osservazione del territorio.

Alfedena

La città di Aufidena ospitava i Sanniti pentri, fieri abitatori di queste montagne dediti soprattutto alla pastorizia, che seppero opporsi con tenacia allo strapotere dei Romani. Questo centro di antica origine, ha restituito notevoli testimonianze di età preromana. Sull'altura, ove sorge il castello, si trovano tracce della cinta fortificata sannita.

Ancarano

Le origine di Ancorano risalgono al medioevo. Nel 1557 fu sottomesso dal Duca d'Alba e fino al 1818 è rimasto sotto il Vescovato di Ascoli Piceno, nello Stato della Chiesa. Nel 1852 passò sotto il controllo del Re di Napoli e quindi all'Italia. Dell'antico borgo fortificato (sec.IX) posto in posizione dominante sulla valle del Tronto, si conservano le due porte: Porta da Monte e Porta da Mare.

Anversa degli Abruzzi

Dalla Valle Peligna verso Scanno il percorso stradale è affascinante. Si attraversano le Gole del Sagittario. Il profondo canyon scavato nel corso di millenni dal fiume Sagittario è un’opera naturale di grande suggestione e bellezza.

Archi

Archi è anche conosciuta come la “Terrazza sul Sangro”: il borgo sorge infatti su uno sperone roccioso e da lì la vista domina sia la Valle dell’Aventino che la Val di Sangro.

Arsita

Denominata Bacucco fino al 1905, Arsita nel periodo medievale si è sviluppata intorno al castello Bacucco che apparteneva al Conte di Chieti. Passò poi sotto il controllo di Montecassino e, infine, sotto la Casa d'Este. Nel 1583 il passò sotto Margherita d'Austria Farnese. Da visitare alcune parti del recinto murario del castello Bacucco. La Chiesa di S.Vittoria dalla facciata ottocentesca.

Atri

Atri, l'antica Hatria Picena, si trova su una collina argillosa a 442 m. sul livello del mare in provincia di Teramo. Molti storici affermano che Atri che preso il nome da Adranus a cui era sacro il lupo appenninico. Nel periodo preromano era la capitale picena del Sud e nel 290 a C.

Barisciano

Sorto tra il VI e l’VIII secolo,  il paese si sviluppò a seguito del  progressivo abbandono delle città romane di Furfo e Peltuino, Barisciano, a metri 940 slm, a Km 19 dall'Aquila, è situato alla base di un monte coronato dai ruderi di una cinta fortificata, e la montagna della fajèta (Cima di Faiete, m.1915) lo divide dall'altopiano di Campo Imperatore. Un paese intriso di storia, di memorie,

Barrea

C’è un momento del giorno in cui il sole illumina il pittoresco borgo, riflettendosi sulle acque blu del lago omonimo, e forse è lì che Barrea esprime tutta la sua magia, il suo essere borgo di montagna, una cosa sola con la natura che lo circonda.

Basciano

Basciano sorge su un colle, a 388 m. s.l.m., posto sul versante sud del corso del Vomano ed a controllo dello sbocco della Valle del Mavone. La storia dell'abitato risale al I sec. a.C. anno di datazione dei resti del vicus romano e della necropoli adiacente. Numerose testimonianze sono state rinvenute nella Contrada Brecciola e nella Contrada S.Rustico.

Bellante

Bellante, centro agricolo del subappennino abruzzese, si trova sulla dorsale che divide le valli del Tordino e del Salinello, a 345 m. s.l.m. e a 19 Km. da Teramo. Dell'abitato più antico restano tracce archeologiche risalenti al periodo preromano. La prima documentazione del paese fa riferimento ad una citazione del XII sec.

Bisenti

Bisenti (274 sul livello del mare a 31 Km. da Teramo) è un centro situato alle falde nord-orientali del Gran sasso, sulla destra dell'alto corso del fiume Fino. Dell'abitato antico emergono resti risalenti all'età del ferro. Nel periodo medievale abbiamo notizie del borgo a partire dal XII sec.

Bugnara

A quasi 600 metri di altitudine, ai piedi del Colle Rotondo, sorge Bugnara, circondata da alture e boschi, che domina dalla sua posizione tutta la Valle Peligna.

Calascio

Calascio è un minuscolo centro situato nel territorio del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, circondato da foreste, praterie e pascoli, ma anche dall’aspra roccia calcarea. La sua famosissima Rocca, simbolo del borgo, viene fondata intorno all’anno 1000 come semplice torre di avvistamento e acquista nel tempo sempre più importanza.

Campli

Il borgo di Campli si trova nella provincia di Teramo ed è un vero e proprio “scrigno di tesori” custodito nel cuore delle colline teramane. Un’incantevole città d’arte dove storia e cultura, tradizione e culto religioso, si fondono assieme creando un mix unico nel suo genere.

Campo di Giove

Campo di Giove sorge arroccato in una posizione strategicamente importante, che da sempre l’ha reso, a partire dai tempi dell’Impero Romano, un luogo di passaggio e sosta. È stato però il Medioevo il periodo più fiorente, che ha lasciato le sue tracce nell’urbanistica e nelle architetture ancora ben conservate del centro storico.

Capistrello

Nel cuore dell’Abruzzo, tra rocce calcaree e verdissimi boschi ricchi di corsi d’acqua, sorge il borgo di Capistrello, non lontano dalla riserva naturale del Monte Salviano.

Capitignano

Capitignano a m.916 s.l.m., a Km. 34 dall'Aquila, sito sul margine orientale della Conca di Montereale, è composto da numerose frazioni le cui localizzazioni sono state condizionate dalla presenza di sorgenti e corsi d'acqua. Le prime notizie risalgono all'epoca sveva ed angioina (sec. XII-XIII) e si collegano alle vicende storiche di Campotosto. Raggiunge la massima floridezza nel XVII sec.

Cappadocia

Sorge a 1108 m. s.l.m., nei pressi delle sorgenti del Liri, alle falde del Monte Camiciola. Le prime notizie certe relative al borgo di Cappadocia risalgono al XII secolo, quando nella bolla di Clemente III vengono nominate le chiese di Santa Margherita e di San Biagio.

Cappelle sul Tavo

Piccolo borgo di collina che sorge tra il mar Adriatico e la catena dell’Appennino, Cappelle sul Tavo si presenta ai viaggiatori con un centro storico caratterizzato da stradine strette e lineari, con edifici che raccontano nelle architetture le diverse epoche della loro costruzione.

Caramanico Terme

Caramanico Terme fa parte del club "Borghi più belli d´Italia". Il comune abruzzese, di origine longobarda, conserva ancora il suo impianto medievale costituito da resti di case-mura, antiche porte e suggestivi intrecci di vicoli lungo tutto l´abitato, che si arricchisce di alcuni imponenti palazzi signorili sorti in epoca rinascimentale.

Carsoli

Il territorio di Carsoli è tagliato in due dal fiume Turano e circondato da un paesaggio ricco di bellezza, quasi selvaggio. La parte più antica del borgo è situata in posizione strategica, sul colle che domina tutta la zona, dove sorgeva il Castello Orsini, di cui sono ancora visibili i resti.

Castel Castagna

Castel Castagna si trova su un colle a ridosso del Gran Sasso, nella media Valle del Mavone nota come Valle Siciliana, ad un'altezza di 452 m. s.l.m. Le prime notizie storiche di Castel Castagna risalgono al XII secolo, quando il paese divenne feudo dei Trasmodo e Berardo. Successivamente prese il nome di Castrum Castanee.

Castel del Monte

Compreso nel territorio del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, Castel del Monte è un luogo che da sempre incanta con la bellezza e la maestosità del paesaggio che lo circonda, rendendolo meta ambita per chi va alla ricerca della natura più autentica e incontaminata.

Castel di Ieri

All’interno del Parco Naturale Regionale Sirente, incontriamo il borgo di Castel di Ieri, arroccato su un’altura come a voler ricordare quando, nei secoli passati, dalla Torre che domina il borgo controllava tutto il territorio. È proprio la Torre, infatti, il simbolo della storia di Castel di Ieri: quadrata, alta quasi 20 metri, è l’antica roccaforte costruita per volere dei Conti di Celano.

Castellalto

Castellalto è un piccolo centro a 15 Km. da Teramo, si erge a 481 m. s.l.m. a cavallo tra le basse valli del fiume Tordino e Vomano, insediato in un paesaggio bello e suggestivo, dal quale è possibile ammirare lo splendore del maestoso Gran Sasso e l'immensa distesa dell'Adriatico.

Castelvecchio Calvisio

Lo si riconosce dall’alto grazie alla sua particolarissima forma, Castelvecchio Calvisio. Questo paese, infatti, che sorge sulla cima di un colle a oltre 1000 metri di altitudine, ha una splendida forma ellittica che sembra racchiudere su di sé il borgo fortificato, rendendolo speciale, unico.

Castelvecchio Subequo

Adagiato su uno sperone di roccia del Monte Putano, a cavallo tra il territorio Marsicano, Peligno e Aquilano, sorge Castelvecchio Subequo, borgo piccolissimo ma dalla grande ricchezza artistica, storica e culturale.

Castiglione Messer Raimondo

Castliglione Messer Raimono è un centro agricolo del subappennino abruzzese, sulle estreme pendici orientali del Gran Sasso d'Italia. A 265 m. s.l.m. e a 50 Km. da Teramo si allunga sul crinale di un dosso che domina la confluenza del fosso Pretonico con il fiume Fino.

Castilenti

Castilenti, centro agricolo del subappennino abruzzese, sorge alle estreme appendici orientali del Gran Sasso, sul versante sinistro della media valle del fiume Fino, a circa 272 m. s.l.m. e a 53 Km. da Teramo. La fase più antica dell'abitato è documentata da reperti archeologici che risalgono all'età tardoimperiale, periodo in cui si chiamava Castrum Lentuli.

Cerchio

Piccolo borgo abruzzese della Marsica, Cerchio ha radici antiche e la sua storia è legata a una leggenda. Si racconta che le prime case furono costruite intorno a un teatro realizzato dai Romani per celebrare l’incoronazione dell’Imperatore Claudio dopo che ebbe fatto prosciugare il lago di Fucino nel 51 d.C.

Chieti

Città  fra le più antiche d’Italia, tanto che  le sue origini storiche si confondono con la mitologia. Chieti è un centro di notevole spessore artistico e culturale. E’ in posizione panoramica tra i monti della Majella e l’Adriatico. Fu capitale della popolazione italica dei  Marrucini.

Città Sant'Angelo

Sul versante nord della Valle del fiume Saline, già da lontano vediamo il borgo di Città Sant’Angelo, adagiato in cima a una collina: da lassù, una volta arrivati, ci aspetta un panorama in grado di togliere il fiato, tra alture verdissime e zone coltivate dalla paziente mano dell’uomo.

Civitella Alfedena

Arrivare a Civitella Alfedena, uno dei borghi più piccoli dell’Abruzzo, vuol dire lasciarsi affascinare dall’armonia delle sue architetture e dalle atmosfere del centro che, tra vicoli strettissimi e antiche case in pietra, narrano storie di secoli passati e invitano a perdersi nella loro arcaica magia.

Civitella del Tronto

Nell’alto Abruzzo, vicinissimo al territorio marchigiano, sorge Civitella del Tronto, da sempre terra di confine e, in particolare, un tempo sentinella del Regno di Napoli tra il Regno di Napoli e lo Stato Pontificio.

Civitella Roveto

Civitella Roveto è un borgo medievale racchiuso, come un tesoro da proteggere, da un massiccio sistema di mura fortificate, che ancora oggi sono ben conservate e ricordano i secoli passati, le lotte di conquista, le battaglie durissime e infinte.

Collarmele

Tra le splendide vallate appenniniche dell’Abruzzo e circondato da imponenti e selvaggi monti, troviamo Collarmele, un piccolo borgo le cui origini sono avvolte dal mistero e dalle leggende.

Collelongo

Collelongo, a 915 metri sul mare, a Km. 86 dall'Aquila, è un grosso borgo che sorge alle pendici del Monte Malpasso nella Vallelonga, l'antica Valle Transaquana.

Colonnella

Risalgono al periodo neolitico le attestazioni più antiche rinvenute di Colonnella: nel territorio adiacente al moderno abitato in epoca preromana fu eletto Truentum, un centro commerciale e marittimo. Gli abitanti scampati alla distruzione della città fondarono nell'VIII secolo l'attuale centro, ma il toponimo compare nel X sec. Fu possesso della città di Ascoli e poi dei Rosales.

Corropoli

Cittadina di stampo medioevale, posta a Km.7 dallo sbocco autostradale dell'A14, Corropoli è soprattutto nota per il villaggio neolitico di "Ripoli", risalente a 5000 anni fa, che sorgeva nel suo territorio e che rappresenta uno dei più famosi centri preistorici d'Italia.

Fallo

Fallo è un piccolo borgo della provincia di Chieti, abbarbicato su uno sperone roccioso da cui domina la vallata del Sangro. Il suo centro storico, di origine medievale, conserva ancora la struttura originaria.  Da visitare la chiesa della Madonna del Soccorso e la Chiesa di San Giovanni Battista, ad una sola navata con cappelle laterali ed affreschi anche sul soffitto.

Fano Adriano

Piccolo borgo di montagna (750 m s.l.m.) situato in un ambiente naturale di  grande attrazione, coronato  dalle vette più alte dell’appennino: il Corno Grande, il Corno Piccolo, il Pizzo Intermesoli, il Monte Corvo ed il Monte Gorzano, nell’alta valle del Vomano. Definita la "Perla del Gran sasso", Fano, dal latino Fanum: tempio, sorge probabilmente sui resti di un antico insediamento romano.

Fara San Martino

Fara San Martino è il borgo dell’acqua e della pasta. Sorge nel cuore del parco Nazionale della Maiella, nei pressi del fiume Verde. Il paese, di origine medievale, è grazioso, ben curato: qui meritano una visita l’antico quartiere di Terra Vecchia, al quale si accede attraverso la Porta del Sole, il Museo Naturalistico e il Centro Visite del Parco Nazionale della Majella.

Goriano Sicoli

Affacciato sulla Valle Subequana e circondato da boschi e valli, Goriali Sicoli sorge su una collina da cui lo sguardo si perde fino all’orizzonte e accarezza il verde del paesaggio.

Guardiagrele

Guardiagrele, la “città di pietra” narrata da Gabriele d’Annunzio del “Trionfo della morte”, è un borgo dalla storia antica: colonizzato dai Benedettini che eressero sul luogo un monastero, ebbe il suo massimo splendore intorno al XII secolo.

Introdacqua

Nel cuore della Valle Peligna, circondata da boschi e pinete in cui crescono splendide piante rare, troviamo l’antica città medievale di Introdacqua: il suo nome nasce proprio dalla sua collocazione tra due corsi d’acqua. L’abitato ha una storia antica, che inizia con i monaci dell’abbazia di San Clemente, che mandarono qui i primi coloni per coltivare le loro terre.

Isola del Gran Sasso d'Italia

Isola del Gran Sasso nacque nel medioevo come borgo fortificato, ed il nome gli deriva dal fatto che il centro più antico fu costruito su un fazzoletto di terra chiuso tra due corsi d'acqua, il Mavone ed il Ruzzo, una vera e propria "isola" a 415 m. sul mare. Il paese è caratterizzato ancora oggi da viuzze e piazzole monumentali con porte e finestre iscritte (la città dei motti).

L'Aquila

La città dell'Aquila è situata nel centro della conca omonima chiusa da un lato dal Gran Sasso e dal Velino Sirente dall'altro.Tale conca è attraversata dal fiume Aterno.

Lama dei Peligni

Sorge ai piedi del Monte Amaro e alle falde del parco Nazionale della Majella, Lama, il cui nome lascia intravedere le sue origini antichissime richiamando il termine “lamatura”, che significa “terreno dove l’acqua ristagna”. Nel borgo, da vedere è sicuramente la Chiesa rinascimentale dedicata a S. Nicola e a S.

Lanciano

Lanciano è, dopo il capoluogo, uno dei comuni più importanti della provincia di Chieti. La cittadina è soprattutto una culla dell'arte per la presenza di numerosi monumenti a cominciare dal santuario del Miracolo Eucaristico che conserva la testimonianza del più antico miracolo eucaristico del mondo cattolico.

Lecce nei Marsi

A 745 metri sul mare, a km. 76,5 dall'Aquila, patria di Andrea Delitio, le cui capacità artistiche sono espresse nel Duomo di Atri. Secondo alcuni studiosi, l'origine del paese risale al X secolo a.C., quando il luogo fu abitato dalla cosiddetta Civiltà Safino-Italica.

Lettopalena

Lettopalena è un piccolo borgo di origine medievale, che sorge in un contesto naturalisticamente particolare: si sviluppa, infatti su grandi blocchi calcarei che nacquero da una frana avvenuta 5000 anni fa e queste “ferite geologiche” sono ancora oggi studiate in tutto il mondo.

Loreto Aprutino

Importante centro della provincia, arroccato su di una collina, presenta particolari interessanti di urbanistica riferiti a vari secoli. Le abitazioni si estendono su file sovrapposte; intorno si sviluppa una vegetazione rigogliosa caratterizzata da ricchi oliveti. Nella parte alta la Chiesa di S.Pietro: portico-loggia con trifore dai capitelli gotici.

Magliano de' Marsi

Magliano de’ Marsi si trova ai piedi del massiccio del Monte Velino, immerso in una natura così incontaminata che sembra non essere mai stata toccata dalla mano dell’uomo.

Monteferrante

È un minuscolo gioiello, Monteferrante, un borgo piccolissimo che sorge arroccato su una terrazza panoramica naturale dalla quale, affacciandosi e lasciando correre lo sguardo, si possono ammirare montagne verdissime, torrenti, prati, spaziando dal lago Bomba alla Majella.

Montefino

Montefino, centro agricolo del subappennino abruzzese, sorge sulle estreme pendici orientali del Gran Sasso, su un alto colle, in una zona a calanchi nella media valle del fiume Fino. Posta a circa 352 m. sul livello del mare, a 44 Km. da Teramo, la cittadina ha un'economia che si basa prevalentemente sull'agricoltura. Non si hanno molte informazioni riguardo la storia del paese.

Montepagano

Montepagano è un piccolo borgo storico, la frazione più antica di Roseto degli Abruzzi. Sorge separata dalla città, su una collina dalla quale il panorama che si offre allo sguardo è incantevole, accarezza le alture fino a raggiungere il mare, splendente e limpido.

Morino

Borgo di tradizioni, buona cucina, monumenti, musei ma soprattutto natura incontaminata, Morino offre tanti motivi per andare a scoprirla. Il cuore di questo paese, però, è legato al suo paesaggio: il borgo infatti sorge alle porte della Riserva Naturale Zompo lo Schioppo.

Moscufo

Dall’alto della collina su cui sorge e da cui un tempo controllava il territorio nel timore di attacchi nemici, Moscufo domina tutta la vallata, regalando agli abitanti e ai viaggiatori un panorama di grande bellezza.

Mutignano - Pineto (TE)

Mutignano, frazione del comune di Pineto, è un borgo davvero interessante dal punto di vista storico in quanto costituisce il primo insediamento dell’odierna città. Il piccolo borgo medioevale si sviluppa lungo un crinale attorno ad una via principale con diramazioni laterali di numerosi e caratteristici vicoli.

Navelli

Navelli sorge su un colle e arrivarci vuol dire rimanere incantati dalla delicatezza graziosa del suo borgo antico: qui le case sono ancora costruite in pietra grigia e si affacciano su stradine strette, tortuose, con gradini scavati direttamente nella roccia. Da sempre, però, Navelli è famosa per un prodotto che è diventato, nel tempo, simbolo del suo territorio: lo zafferano.

Notaresco

L'antica origine di Notaresco è attestata dal ritrovamento di tombe del VI-VII secolo in contrada Santa Lucia. Nelle fonti è presente per la prima volta con il nome di Notaresco, probabilmente perché prescelto come luogo per l'edificazione di un castello voluto da Lotario. Col nome Nutarisco compare nel 1324.

Opi

Opi è un piccolo borgo arroccato, immerso nel cuore del parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise. Circondato da un paesaggio montano di grande fascino, ha due punti panoramici da cui lo sguardo spazia per le distese della Valle del Sangro: il Belvedere La foce, posto in cima al paese, e il Belvedere di Piazza dei Caduti.

Ortona

Fiera cittadina di cultura e di mare, patria di eclettici artisti, Ortona è anche una delle più apprezzate stazioni balneari della costa teatina.

Ovindoli

Importante centro del Parco Sirente-Velino  situato a m. 1375 sul mare, a Km. 39 dall'Aquila, è l’antica Obinolum primitivo insediamento dei Marsi, in posizione dominante, al limite meridionale dell’Altopiano delle Rocche, derivato da necessità difensive per le popolazioni della valle che vi si accentrarono per proteggersi dalle scorrerie dei barbari.

Pacentro

Il momento migliore per arrivare a Pacentro è al tramonto, quando le luci del borgo iniziano ad accendersi e fanno a gara con le ultime luci del cielo, creando un’atmosfera incantata e senza tempo. Il paese sorge alle pendici delle Montagne del Morrone, arroccato, con la montagna che lo protegge e lo sguardo a controllare la Valle Peligna.

Palena

Nell’alta valle dell’Aventino, quasi totalmente immersa nel Parco Nazionale della Majella, tra alture e boschi verdissimi sorge Palena. Qui, appena arrivati, si respira un’atmosfera di benessere e relax. La natura lussureggiante, l’aria pulita, la tranquillità antica degli abitanti, tutto concorre a rendere il borgo un luogo di pace e bellezza.

Penna Sant'Andrea

Il paese di Penna Sant'Andrea è caratterizzato da un'edilizia prevalentemente ottocentesca e moderna, dove emerge la settecentesca (ma di probabile fondazione cinquecentesca ) Chiesa Matrice (o parrocchiale di Santa Maria del Soccorso) il cui campanile presenta una cella campanaria ad angoli smussati; all'interno della chiesa vi è una Madonna lignea del Quattrocento e alcune tele firmate dai fr

Penne

Il borgo di Penne si estende su quattro colli tra le valli dei fiumi Tavo e Fino: dal borgo si gode di un panorama di grande fascino e lo sguardo si posa sulle alture circostanti, sui boschi verdissimi, sui tanti oliveti che ricoprono le colline e sui corsi d’acqua che attraversano le zone più pianeggianti.

Perano

È la natura l’essenza dell’identità di Perano, piccolo borgo racchiuso in un contesto paesaggistico di grande fascino, verdissimo, che trasmette un senso di pace e serenità per il suo silenzio e la sua maestosa presenza.

Pereto

Pereto osserva la valle sottostante dallo sperone di rocca su cui sorge, come un antico guardiano che controlla il suo regno. Tutto intorno, le rocce sono l’elemento che domina il territorio, alternate a verdi boschi di roverelle, quercine e faggete, che ammorbidiscono il paesaggio.

Pescara

Moderna città bagnata dall’Adriatico e attraversata dall’omonimo fiume, Pescara nasce dalla fusione nel 1927 di due cittadine (Castellammare Adriatico e Pescara), ubicate sulle sponde opposte del fiume. Città dinamica e contemporanea, rappresenta il centro abruzzese di riferimento per il commercio e per i servizi.

Pescina

Tra il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, e il Parco Regionale Sirente-Velino, in una natura suggestiva e quasi incontaminata sorge Pescina, un borgo antico che racconta, con l’urbanistica e le architetture del suo centro storico, le influenze medievali ancora visibili.

Pescocostanzo

Pescocostanzo, sede culturale del Parco Nazionale della Majella, è un borgo antico. Stupisce quasi come un paese così piccolo possa racchiudere tante meraviglie di storia, arte e cultura, eppure è proprio così: partendo dal bellissimo paesaggio in cui è immerso, si arriva al cuore del borgo e si resta incantati dai dettagli urbanistici e dalle architetture, eleganti e ben conservate.

Pettorano sul Gizio

Tra il verde dei boschi e le alture morbide delle montagne che lo custodiscono come un gioiello da proteggere, Pettorano sul Gizio sorge in mezzo a un paesaggio di grande bellezza, dai colori e dalle atmosfere tipiche dell’Abruzzo interno.

Pietracamela

Tra i comuni più alti della provincia di Teramo, Pietracamela è l'unico ad avere l'intero territorio compreso nel Parco del Gran Sasso - Monti della Laga. Sorge a 1005 m. di altitudine ai piedi del Corno Piccolo del Gran Sasso d'Italia.  Molto probabilmente i primi abitanti del luogo furono brindisini o pugliesi, in generale pastori o cardatori di lana.

Pretoro

Incastonato su uno sperone roccioso della Majella, se guardiamo Pretoro da lontano ci sembra di vedere un borgo che è il proseguimento stesso della roccia.

Rocca di Botte

Rocca di Botte sorge in un luogo protetto dai monti, sul versante settentrionale del monte La Corte. La natura che circonda il borgo è resa ancora più bella da questa tranquillità che pervade l’atmosfera, come se il silenzio e la pace rendessero più scintillanti le foglie degli alberi, più blu il cielo.

Rocca San Giovanni

Piccolo centro in provincia di Chieti, Rocca San Giovanni fa parte dell’esclusivo club dei “Borghi più belli d’Italia”. Sorge su un colle roccioso a 155 metri di quota, tra le foci del fiume Sangro e del torrente Feltrino. Le prime tracce scritte sul borgo compaiono su un diploma del 1047, firmato dall’imperatore Enrico III e indirizzato al Monastero di San Giovanni in Venere.

Roccacasale

Il paese attuale, pur con una recente espansione a valle, è rimasto sostanzialmente inerpicato sulle rocciose pendici ovest del M. Morrone ed ha conservato la sua caratteristica di paese vedetta della Conca Peligna.

Roccascalegna

Sembra un luogo inventato, Roccascalegna, un castello narrato in qualche fiaba, o novella antica. Invece questo splendido castello esiste davvero, ed è talmente bello da essere stato scelto come location per il film “Il racconto dei racconti” di Matteo Garrone.

Salle

Salle è un piccolo paese del Parco della Majella posto alle falde del Morrone in pittoresca posizione. Ricostruito più a valle dopo le distruzioni dei terremoti del 1915 e del 1933 è un centro agricolo con aziende artigiane e piccole industrie: si lavorano budella di animali per la produzione di corde armoniche e per suture chirurgiche.

San Benedetto dei Marsi

A 670 metri sul mare, a km. 70 dall'Aquila, borgo ubicato sull'orlo orientale della Piana del Fucino, sorse dove anticamente era Marruvium, capitale dei Marsi e patria del Papa Bonifacio IV, voluta da Marso, compagno di Bacco. I resti dell'anfiteatro e due grandiose tombe, sono testimonianza dei monumenti esistenti in età romana.

San Valentino in Abruzzo Citeriore

San Valentino in Abruzzo Citeriore è un piccolo borgo grazioso e accogliente, caratterizzato da gradinate che all’improvviso si aprono su slarghi che regalano scorci splendidi.

San Vincenzo Valle Roveto

Accanto al fiume Liri, lungo la Valle Roveto, immerso in un paradiso naturale ricco di boschi, corsi d'acqua e distese di verde, sorge San Vincenzo Valle Roveto, Comune che comprende otto paesi, tra i quali il borgo autentico di San Vincenzo Vecchio ed altri nuclei antichi di grande interesse storico, quali Morrea, San Giovanni Vecchio e Roccavivi.

San Vito Chietino

Lungo la Costa dei trabocchi, tra Ortona e Fossacesia, San Vito Chietino domina l’Adriatico. La cittadina, definita da D’Annunzio “il paese delle ginestre”, sorge su uno sperone roccioso e dalle sue balconate si gode un ampio panorama che spazia dalla Majella al Gargano, alle Isole Tremiti.

Sante Marie

Sante Marie è un borgo piccolo, adagiato in un territorio di grande bellezza e ricchezza culturale, artistica e gastronomica. Circondato da boschi di castagno e da una terra generosa, questo paesino può contare per la sua cucina su ingredienti di ottima qualità, in particolare funghi e tartufi, doni dei boschi.

Santo Stefano di Sessanio

Quando arriviamo a Santo Stefano di Sessanio, ci sentiamo trasportati in un luogo magico, senza tempo: il silenzio, l’alta quota, il paesaggio incantato, la bellezza del centro storico, tutto questo ci accoglie e ci culla.

Scanno

Scanno è uno spettacolo che comincia prima dei confini del borgo. Splendida è infatti la strada che sale a tornanti e che porta al paese: il viaggio diventa così già esperienza di bellezza, mentre lo sguardo si perde nel paesaggio, sulla Riserva del Sagittario e sul lago, per poi posarsi sul borgo e incontrare un luogo di magia e incanto.

Scontrone

Scontrone è un borgo che ha una doppia anima, storia antica e arte moderna, attaccamento alle radici e voglia di inventarsi un futuro. Come la sua essenza, anche la struttura del borgo è doppia: il comune è situato nella parte più alta dell’abitato, nella parte più storica, mentre la frazione Villa Scontrone si trova a valle, sul fiume Sangro.

Scurcola Marsicana

Alle pendici del monte San Nicola sorge Scurcola Marsicana, un borgo che accoglie il viaggiatore con la bellezza dei suoi paesaggi, con i suoi riti antichi e soprattutto con l’ospitalità genuina della sua gente.

Silvi

Caratteristica e rinomata località balneare della costa teramana, situata ai piedi delle colline di Atri e Città Sant’Angelo, Silvi deve probabilmente il suo nome a un tempietto dedicato a Silvano, il dio italico protettore delle greggi e dei pastori. Di origine medievale, sorge sul sito dell’antico Castrum Silvi.

Sulmona

Una città ricca di storia. I resti delle antiche mura, le porte e i borghi, le chiese e i palazzi,  le piazze ampie e luminose, i vicoli e le strade ancora la raccontano. Città signorile, forte e orgogliosa, ha vissuto periodi di splendore e attraversato momenti di grandi difficoltà riuscendo sempre a risorgere. Centro d’arte e di cultura, svolge un ruolo importante nella regione.

Tagliacozzo

Parte della storia di Tagliacozzo è racchiusa nel suo nome: secondo gli studiosi, infatti, il toponimo deriverebbe da “taglio nella roccia” e indicherebbe la fenditura che divide il monte in cui si è sviluppato l’abitato. Altri capitoli di questo racconto invece sono intrecciati con i resti della cinta muraria medievale che un tempo proteggeva il borgo insieme al castello, oggi in rovina.

Teramo

Situata a 20 Km dall'Adriatico e prossima alle rocce del Gran Sasso d'Italia (2912 m.) Teramo, tra i fiumi Vezzosa e Tordino, è il Capoluogo della provincia che occupa il territorio più settentrionale della regione Abruzzo. Il ritrovamento di suppellettili funerarie simili a quelle delle tombe protostoriche picene attestano che la città fosse indubbiamente un insedimento preromano.

Torano Nuovo

Torano Nuovo è un paesino di circa 1600 abitanti, della provincia di Teramo e precisamente della Val vibrata, cioè la fascia settentrionale dell'Abruzzo che confina con le Marche. Situato a 14 Km dal mare ed a circa 25 dalla montagna, ad un'altitudine di 240 m., ha un territorio collinare e la sua economia è prevalentemente agricola.

Tortoreto

Tortoreto, in provincia di Teramo, è un rinomato centro balneare, meta di tanti turisti italiani e stranieri che amano trascorrere le proprie vacanze sulla costa adriatica.

Vasto

Splendida cittadina in provincia di Chieti, Vasto incanta con un fascino d’altri tempi. Affacciata sul golfo dei Trabocchi, ha origini antichissime e raccoglie le vestigia di tremila anni di civiltà, testimoniate da antiche torri, fortificazioni, chiese e palazzi.

Villalago

Arroccato a quasi mille metri d’altitudine, il borgo di Villalago si staglia contro il cielo, dominando il panorama e la Valle de Lacu, chiamata così per i suoi cinque laghi. La sua storia affonda le radici in tempi lontani: l’abitato come oggi lo conosciamo sorse nell’XI secolo ad opera dei monaci benedettini e, nel tardo medioevo, subì la dominazione di diverse famiglie feudali.

Villetta Barrea

Amena località sulle rive del lago di Barrea, nel Parco Nazionale d'Abruzzo, alle pendici meridionali di Monte Mattone (990 metri s.l.m.), è immersa in un suggestivo ambiente naturale in cui spicca la bellissima pineta di Pino nero, in varietà locale. Resti di mura poligonali (ancora sono visibili nei pressi della località di Fonte Regina) ne attestano l'origine come centro sannita.

Vittorito

E' il comune della Comunità Montana Peligna posto più a nord; si affaccia sull'ultimo tratto del fiume Aterno ad est ed è cinto da sud ad ovest da rilievi montuosi calcarei, tra i quali svetta su tutti il M. Mentino. E' famoso per la sua tradizionale vocazione vitivinicola.