Salta al contenuto principale
x

Opi

Opi è un piccolo borgo arroccato, immerso nel cuore del parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise. Circondato da un paesaggio montano di grande fascino, ha due punti panoramici da cui lo sguardo spazia per le distese della Valle del Sangro: il Belvedere La foce, posto in cima al paese, e il Belvedere di Piazza dei Caduti. Territorio abitato già dai tempi più antichi, come testimoniano i ritrovamenti archeologici nella “grotta Graziani”, ha una storia particolare: furono infatti i monaci benedettini, all’inizio dell’XI secolo, a fermare un processo di spopolamento che stava colpendo l’area e fu scelto come sito lo sperone roccioso che ospita oggi il borgo perché facilmente difendibile. Cuore di storia antica, Opi, ma anche di natura: da qui partono numerosi sentieri, per andare alla scoperta del territorio e respirarne l’essenza.

 

Provincia: L'Aquila

CAP: 67030

Prefisso: 0863

Altitudine: 1250

POSIZIONE GEOGRAFICA

41.7775717, 13.8564085

Partenza da Opi. Il punto di inizio di questa escursione è situato presso il Rifugio del Parco, a confine tra l'Abruzzo e il Lazio, sul Valico di Forca d'Acero a oltre 1500m di altezza. Da questa quota si può ammirare una particolare faggeta di alberi tutti alti, dritti e uguali.

Nel 1994 la Sopraintendenza Archeologica, in accordo con l'Ente Parco Nazionale d'Abruzzo, ha eseguito lavori di scavo che hanno permesso di riportare alla luce un primo nucleo di tombe e il recupero del c.d. "corredo principesco" appartenente ad una tomba maschile di particolare ricchezza.

La Camosciara rappresenta la zona di maggior interesse naturalistico e paesaggistico di tutto il territorio del Parco.

Questa Riserva sita all'interno del Parco Nazionale D'Abruzzo tutela i selvaggi valloni del monte Marsicano importanti per la presenza dell'orso