Salta al contenuto principale
x

Ortona

Fiera cittadina di cultura e di mare, patria di eclettici artisti, Ortona è anche una delle più apprezzate stazioni balneari della costa teatina. Il suo lungo litorale, dopo un primo tratto di spiaggia ampia e sabbiosa a Nord (Località Foro, Lido Riccio e Lido dei Saraceni), cambia fisionomia e diventa un susseguirsi di insenature, baie, scogliere e promontori a picco sul mare con una ricca vegetazione di tipo mediterraneo. Qui ha inizio la suggestiva e peculiare “Costa dei Trabocchi” che si estende fino a Vasto. La ricettività è buona con moderne strutture alberghiere, campeggi e B&B.

La città si erge su un colle e dalla sua splendida “Passeggiata Orientale” si gode un panorama straordinario.

Di antiche origini, ebbe un notevole sviluppo sotto i Frentani, soprattutto per la presenza del porto, il più importante d’Abruzzo. Visse il suo momento di decadenza nel Medioevo per poi risorgere sotto il dominio degli Svevi. Nel secondo conflitto mondiale fu teatro di cruenti battaglie e venne quasi distrutta dai bombardamenti. Del suo passato conserva un notevole patrimonio artistico.

Meritano di essere visitati il Palazzo Farnese, il Castello Aragonese, le Chiese di Santa Maria delle Grazie e della Santissima Trinità, la Cattedrale dedicata a San Tommaso, che, da oltre sette secoli, è gelosa custode dei resti terreni dell’Apostolo, il suggestivo centro storico e i tanti musei (Museo Civico, Museo Diocesano, Museo Musicale Tostiano e Museo della Battaglia). Non lontano dal centro abitato, da visitare il “Moro River War Canadian Cemetery”.

Per saperne di più visita il Sito Ufficiale del Comune.

Provincia: Chieti

CAP: 66026

Prefisso: 085

Altitudine: 72

POSIZIONE GEOGRAFICA

42.3522441, 14.4028113

E' possibile consultare quasi 40.000 volumi e 500 testate di riviste; testi antichi  dal XVI al XVIII secolo; registri decurionali e del Consiglio Comunale dal 1584 al 1950. Comprende anche la sezione "Biblioteca del mare" con 1500 volumi di argomento marino e 200 videocassette.

Il Museo documenta i drammatici eventi bellici del 1943, che valsero alla città di Ortona il conferimento della Medaglia d'oro al valor civile. E' stato inaugurato il 6 maggio 2002 con l'intervento anche dell'Ambasciatore Canadese.

Il Museo Ex Libris Mediterraneo di Ortona, secondo in Italia e terzo in Europa, è dedicato all'ex libris, contrassegno figurato, spesso accompagnato da un motto, che si applica sul risguardo del libro per definirne la proprietà (lett. "dai libri di").  

La Pinacoteca è situata nel cinquecentesco palazzo Farnese e raccoglie opere di Michele Cascella (1892-1989), nativo di Ortona, del fratello Tommaso (1890-1968) e del padre Basilio (1860-1950). Di Michele Cascella conserva una delle raccolte piu' importanti (53 opere) documentanti oltre ottanta anni di attivita' del pittore

 

La primitiva chiesa , a navata unica e in stile romanico, fu costruita nel sec. XIII, insieme al convento dai Celestini. Il complesso fu gravemente danneggiato dai Turchi nel 1566. La chiesa fu subito riparata ed arricchita con elementi  barocchi.

Aperto al pubblico nel dicembre 2003, è tra i più importanti musei d'arte sacra della regione ed è un vero scrigno di opere d'arte. Ha sede nelle ampie sale attigue alla Cattedrale di San Tommaso Apostolo, edificio di origine paleocristiana ristrutturato nei secoli XIX e XX.

La maestosa cattedrale di San Tommaso sorge al centro della città. La chiesa, costruita sulle rovine di un tempio pagano dedicato a Giano del secolo VI, nel corso dei secoli ha subito varie distruzioni e rifacimenti. Il tempio si presenta con uno schema longitudinale che sembra seguire il modello delle grandi basiliche pugliesi, impostosi già nei primi decenni del Duecento.

L'Istituto Tostiano, costituito nel 1983, è una istituzione di impegno musicologico e si occupa della divulgazione della vita e delle opere del compositore ortonese Francesco Paolo Tosti (Ortona, 9 aprile 1846 - Roma, 2 dicembre 1916), degli altri musicisti abruzzesi, e più in generale della musica vocale da camera ed altri settori della cultura musicale.

Il Castello Aragonese, edificato nel XV secolo, sorge sul promontorio denominato "La Pizzuta", che cade a strapiombo sul mare,  da cui domina l'articolata e suggestiva costa adriatica.  Nel corso dei secoli, fu sottoposto a varie modifiche e ristrutturazioni.

La Riserva Naturale Regionale Ripari di Giobbe si trova a nord di Ortona su una falesia rocciosa che si affaccia sul mare, a ridosso di una caletta nascosta, con ciottoli bianchi e acque cristalline, raggiungibile solo a piedi o via mare. L’area, istituita nel 2007, è ben conservata per via della difficile accessibilità e per la notevole instabilità dei versanti più ripidi.

Sulla collina di contrada San Donato, a sud del centro di Ortona e ai margini della SS.16, si trova il "Moro River War Canadian Cemetery". Nel cimitero sono raccolte le spoglie di 1615 soldati del Commonwealth britannico, in massima parte canadesi, morti nel dicembre del 1943 durante i combattimenti per l’attraversamento del fiume Moro e successivamente nella B